Ho il piacere di proporti un testo inedito di un grande maestro del Nuovo Pensiero, Wallace D. Wattles. Lo sto traducendo e la mia casa editrice, Area51 Publishing, lo pubblicherà a settembre 2018 in audio, ebook e libro cartaceo.

Te lo propongo perché mentre lo traducevo sono rimasto sconcertato: questo testo scritto intorno al 1908, oltre un secolo fa, parla esattamente dello stesso principio fondamentale di Mind3®: il principio della mente e dell’universo olotropici.

L’universo qui descritto è proprio l’universo olotropico, l’universo cioè permeato di Intelligenza Spirituale che contiene in sé l’impulso verso una sola direzione: la direzione verso l’intero, verso il tutto, verso l’Assoluto, Infinito Bene.

Uni-verso

“In una certa città, in un certo giorno, un ragazzo saltò in aria per prendere una palla; e con suo stesso stupore, oltre a quello dei presenti, non tornò giù, ma continuò a salire e salire, finché non svanì alla vista, tra le nuvole. Lo stesso giorno, e nella stessa città, un bambino saltò giù da un tavolo e fluttuò nell’aria come una piuma; ma il giorno seguente, provando lo stesso esperimento, andò a sbattere contro il pavimento.

La legge di gravità variava in quella città; un giorno un uomo poteva pesare una tonnellata, e il giorno dopo solo poche once; e questo valeva per tutte le altre leggi naturali. Un giorno, l’acqua spegneva il fuoco; il giorno dopo quella stessa acqua prendeva fuoco, e bruciava come la benzina.

Era una città ben strana, vero? Non vorresti certo vivere in una città così!

Ora, naturalmente, sappiamo che tutto questo non è vero. Sappiamo che le leggi della materia, del movimento, dell’energia e della vita sono fisse e immutabili; che sono uguali su tutta la terra e su tutti i pianeti e le stelle; sono uguali in tutto l’universo.

Ci hai mai pensato perché lo chiamiamo uni-verso? Perché va in un unico verso. Uni significa uno, uno solo; è un universo, cioè un universo che va in una sola direzione; e non è un pluri-verso, cioè un universo che va in molte direzioni diverse.

Non è il campo di battaglia di molte leggi e forze, ma il prodotto armonioso di una sola suprema forza e di una sola suprema legge. Teologi e scienziati non sono ancora riusciti ad affermare l’esistenza di questa sola suprema legge; sarà un grande giorno per il mondo quando ci riusciranno.

Teologi e predicatori insistono ancora sul fatto che si tratta di un bi-verso, cioè di un universo retto da due forze, che va in due direzioni. C’è un Dio e c’è un diavolo che è forte quasi come Dio, se non a volte proprio come Dio; e i medici credono nella malattia come a una vera entità; come a qualcosa di reale, di malvagio, che ha potere in se stesso.

Gesù ha sottolineato che non c’è alcun diavolo o forza contrapposta al Bene in natura. È tuo Padre, disse, che fa splendere il sole, e manda la pioggia; che veste l’erba del campo e nutre gli uccelli.”

Una sola Legge

“Questo è il mondo di Dio. Il diavolo non può far alzare o tramontare il sole. Non può fermare la crescita dell’erba o affamare gli uccelli; ha meno potere di uno spaventapasseri, perché non riesce neanche a tenere lontani i corvi dal grano.

La Legge è Una, la forza è Una e il potere è Uno in tutto l’universo; e ora ti chiedo di portare la tua mente su questa sola legge, sola forza, solo potere e di mantenerla lì, per qualche istante.

Considera poi un’altra cosa in relazione a questa. Pensa per prima cosa al nostro sistema solare; al suo particolare gruppo di pianeti che girano intorno al nostro sole e con la loro gravità si influenzano l’uno con l’altro, si attraggono l’uno con l’altro.

Se tieni la mente su questo pensiero hai la prova che questa azione è molto potente.

Considera ora l’attrazione della luna sulla terra; considera la sua enorme forza, come dimostrato dai movimenti delle maree. Tutti gli altri pianeti agiscono su di noi proprio allo stesso modo, con diversi gradi di potenza. Supponi che tre o quattro di loro uscissero dalla lotto orbita: cosa pensi che succederebbe? La terra a sua volta verrebbe sbalzata dalla sua orbita e tutti i pianeti finirebbero per schiantarsi l’uno contro l’altro o per disperdersi e sbriciolarsi nell’universo.

Dimmi perché questo non succede; dimmi perché, quando un’attrazione viene esercitata da questa parte, ecco che un’altra attrazione la controbilancia dall’altra. C’è sempre un equilibrio di forze, o per meglio dire c’è sempre un’azione di forze che mantiene tutto in equilibrio. Cosa o chi fa in modo che questo possa essere fatto, e che l’equilibrio sia mantenuto sempre e per sempre?

Tieni presente, inoltre, che il nostro stesso sole è in movimento; e che è in movimento anche il sistema solare, e che sono in movimento le galassie che contengono i sistemi solari. Tutto l’universo, ruota attorno a un centro, e ogni corpo celeste esercita una forza attrattiva reale su tutti gli altri. Alcuni corpi sono più grandi, altri più piccoli; alcuni si muovono in grandi cerchi, altri in cerchi più piccoli. Puoi notare che la combinazione di “attrazioni” che tutti questi corpi esercitano l’uno sull’altro variano in numero incommensurabile, forse infinito; eppure l’equilibrio deve essere mantenuto esattamente, perché al minimo squilibrio i mondi si scontreranno con i mondi, le stelle con le stelle, le galassie con le galassie, finché tutto rovinerà nel caos.”

La sola direzione uni-versale

“Chi impedisce che tutto questo accada? Chi regola tutto Questo? Chi tiene il mondo, ogni mondo, nel posto giusto, al momento giusto?

Lo studio dell’universo ci costringe a una ammissione: che la Forza universale possiede l’attributo della direzione; e per direzione intendo il potere di portare il corpo giusto nel posto giusto al momento giusto. Ora, puoi concepire una cosa come la direzione senza che vi sia una intelligenza? Non puoi farlo; non puoi ipotizzare che sia una forza cieca, non intelligente, a originare queste infinite combinazioni e ricombinazioni di pianeti e sistemi; c’è una Mente dell’universo, e questa mente è Dio.

Se ora concedessimo a questa intelligenza il potere di controllare il movimenti dei corpi celesti, dobbiamo concedere a essa ogni altro potere; poiché tutte le cosiddette forze sono solo fasi differenti della manifestazione di una sola forza, della sola forza.

La direzione che vediamo negli atomi è la direzione universale; e il potere che vediamo in un temporale è lo stesso potere che vediamo nel movimento delle stelle.”

 

(Tratto da Wallace D. Wattles, Dio nell’uomo, l’uomo in Dio, Area51 Publishing)