Seconda parte del testo sulla guarigione spirituale scritto dal grande maestro del Nuovo Pensiero, Wallace D. Wattles (la prima parte la trovi qui).

Il processo di guarigione spirituale qui illustrato da Wattles ha formidabili punti di contatto con il processo di guarigione spirituale che avviene in Mind3®.

 

Guarigione spirituale

di Wallace D. Wattles

(seconda parte)

 

Il punto della guarigione spirituale

Il punto della guarigione spirituale è l’equilibrio immutabile che è dietro ogni squilibrio. Questo punto è ciò che deve essere invariabilmente ricercato se si vuole guarire definitivamente da qualunque problema.

Come fare? Devi rivolgere il tuo sguardo dentro di te, dietro lo schermo dell’effetto, del sintomo, e individuare il punto di origine del tuo problema – lasciandolo semplicemente, spontaneamente giungere a te dalla dimensione dello spirito stesso. Arriverà, necessariamente, una volta che avrai sintonizzato il tuo pensiero sulle frequenze causali del tuo problema.

Si tratta di un’operazione di svelamento di un enigma. C’è un problema, e dietro quel problema c’è sempre una causa. Il problema può essere di qualunque natura: fisica, mentale, emozionale, relazionale o può perfino riguardare le circostanze della tua vita. Qualunque sia il problema, la sua causa non è mai fisica, è sempre mentale. Come abbiamo visto nel nostro esempio, dietro il problema dell’obesità ci può essere l’eccesso di prodigalità, la tendenza allo spreco, allo sperpero. Questa tendenza è mentale nel senso che è radicata nella mente come impulso all’azione.

Ma anche la sfera mentale non svela completamente l’enigma; dietro la causa mentale infatti c’è una causa ancora più profonda, la causa spirituale, e quella causa è sempre uno squilibrio rispetto all’immutabilità, incontrovertibili, esattezza dello spirito. Nel nostro caso: dietro l’eccesso di prodigalità si trova lo squilibrio tra egoismo e generosità, e ancora più indietro, probabilmente, lo squilibrio tra la paura di perdere ciò che si possiede e il bisogno di dare agli altri. Questo squilibrio cela il punto spirituale di cui ho già fatto cenno all’inizio: l’errata credenza che si possa perdere ciò che si ha, l’errata credenza, cioè, che il negativo possa veramente esistere.

Questo è il punto spirituale che va risolto. Come lo si risolve? Attraverso la comprensione stessa, lo svelamento stesso dell’enigma.

Il processo dal corpo allo spirito

Segui perciò schematicamente il processo di risalita dal corpo allo spirito e non sbaglierai mai nel trovare l’origine di ogni tuo problema.

  1. Piano del corpo: manifestazione del sintomo. Per esempio obesità, nel caso del prodigo, o difficoltà digestive o stitichezza, nel caso dell’egoista.
  2. Piano della mente: per entrambi (perciò per due sintomi ben diversi) la causa del problema è mentale ed è la stessa: il conflitto tra la paura di perdere quello che si possiede e il bisogno di dare agli altri. Nel prodigo si manifesta con eccesso di dispendio, nell’egoista con l’eccesso di trattenimento. Nel primo caso – poiché il sistema spirituale tende sempre all’equilibrio, all’ordine – entreranno in campo forze di riequilibrio che si manifesteranno nell’indicazione di un trattenimento (per esempio problemi di salute legati all’obesità), nel secondo caso entreranno in campo forze di riequilibrio che si manifesteranno nel bisogno di rilascio (per esempio mal di testa, febbri, problemi gastrici o intestinali…). Ma per entrambi, la causa resta la stessa.
  3. Piano dello spirito: per entrambi è l’errata credenza che si possa perdere ciò che si ha, l’errata credenza, cioè, che il negativo possa veramente esistere. È questa frattura tra la perfetta condizione di abbondanza dello spirito e la credenza nella povertà da parte della mente, che genera la causa mentale che genera l’effetto fisico.

L’origine del problema, di ogni problema, si trova perciò nell’asimmetria, nello squilibrio tra la mente e lo spirito. Il modo spirituale per guarire perciò è riportare la mente sull’unità spirituale che è alla base di ogni esistenza individuale.

Se vuoi guarire a livello spirituale, perciò, per ogni tuo problema ricerca la sua causa mentale, dalla causa mentale risali allo squilibrio, all’asimmetria spirituale, e una volta individuata mantieni la tua mente con fede sull’unità immutabile, incontrovertibile, immobile e infinitamente generatrice di ogni bene, e solo di ogni bene, che è la perfetta sorgente spirituale dell’universo.

Ciò che, anche, chiamiamo Dio.

 

(Fine)