Mind3® significa 3 Menti connesse e allineate ma significa anche 3 modi di usare attivamente la mente. Mind3® identifica 3 modi essenziali con cui possiamo usare attivamente la nostra mente utilizzando le 3 strutture psichiche della nostra mente.

  1. C’è il modo del rilascio delle emozioni negative e della risoluzione dei problemi.
  2. C’è il modo creativo, il modo in cui utilizziamo la mente per creare.
  3. C’è il modo che possiamo chiamare il modo della presenza mentale, il modo della concentrazione per esempio, del distacco, della meditazione intesa come presenza focalizzata della mente su un punto.

Ecco lo schema dei 3 modi di utilizzo attivo della mente.

Puoi vedere che c’è un cerchio centrale: quello è lo stato della presenza mentale. Poi c’è una freccia che va in basso e verso sinistra che indica il modo di rilascio e risoluzione, infine c’è una seconda freccia che va in alto e verso destra che rappresenta il modo creativo della mente. I 3 modi di funzionamento della mente corrispondono alle 3 Menti: conscia, subconscia e superconscia.

Piano subconscio e piano superconscio

Mind3® si occupa soprattutto del modo di rilascio-risoluzione e del modo creativo-realizzativo della mente; cioè del piano subconscio e di quello superconscio. Se guardi le due frecce, ti accorgerai che indicano due precisi movimenti: il movimento del rilascio-risoluzione è il movimento che avviene sul piano del subconscio, va sotto, va in profondità, scende nel subconscio e va indietro nel tempo. Il modo creativo invece va in alto, sale sul piano del superconscio e va in avanti, riguarda il futuro.

In questo Mind3® è molto semplice e allo stesso tempo preciso: tutte le tecniche che riguardano il rilascio-risoluzione avvengono nello spazio del subconscio, avvengono giù e all’indietro, nel profondo e indietro 21nel tempo. Quando agiamo nel modo creativo, agiamo sempre sul piano del superconscio e verso avanti, verso il futuro, verso la creazione di noi stessi.

Quando rilasciamo memorie, programmi, condizionamenti, credenze, esperienze, traumi, biografici e transpersonali, cioè vere realtà che sono impresse in noi, questo avviene sempre seguendo questo schema: lo schema dell’andare in profondità e dell’andare indietro.

Tutti i processi di creazione avvengono invece andando sopra, sul piano della nostra mente superconscia e in avanti, nella creazione della nostra migliore vita, della nostra migliore realtà. La risoluzione e la guarigione appartengono al subconscio, la creazione e la realizzazione appartengono al superconscio.