Non siamo nati per soffrire. Dovremmo appenderci questa frase davanti allo specchio e fissarla tutte le mattine appena ci svegliamo e tutte le sere prima di andare a dormire, per ricordarci sempre di tenere ben fissa in mente questa verità metafisica: non siamo nati per soffrire e non siamo nati per vivere tutta la vita da malati pieni di paura. Non è possibile, è assurdo e illogico. Se così fosse, come potremmo avere in testa sogni così grandi, mondi così belli?

Dovremmo essere prigionieri di un Dio ben sadico, se così fosse: una vita in cui possiamo immaginare il meglio ma siamo costretti a vivere il peggio!

È impossibile. È illogico.

La sofferenza è radicata nel subconscio, soltanto nel subconscio, e si vive una vita di sofferenza soltanto se restiamo prigionieri del piano subconscio. Ma la nostra necessità, il nostro destino, è di vivere sul piano superconscio, sul piano della creazione, sul piano dello spirito, sul piano della realizzazione.

Perciò l’origine della nostra sofferenza va sempre ricercata nel subconscio (cioè nel passato, sia personale, biografico, sia transpersonale) e va sempre risolta e rilasciata nel piano subconscio.

La cosa più importante da ricordare è che non siamo stati creati per soffrire, siamo stati creati per realizzarci. Sul piano della risoluzione dei problemi perciò non devi dimenticare mai che la tua sola direzione è necessariamente quella verso il tuo benessere, verso la tua guarigione!

Un solo obiettivo: la tua guarigione

La malattia non la intendiamo nel senso “medico” di patologia, la intendiamo nel suo senso esteso, come problema di qualunque natura: anche un tuo problema economico è una malattia, perché indica che c’è qualcosa di essenziale che non sta funzionando e che ti impedisce di progettare e realizzare la tua migliore vita. Ecco, è proprio su questo “qualcosa che non funziona” ciò su cui Mind3® agisce in modo diretto e risolutivo. Infatti mi piace chiamare “problema” o “malattia” o “difetto” obiettivi di risoluzione. Questa inversione di parole ci permette una inversione di significato. La malattia, il problema, il difetto, sono sempre un qualcosa che ci sta dietro, qualcosa che ci condanna al passato; l’obiettivo, anche quando è un obiettivo di superamento di un problema, è invece sempre qualcosa che ci sta davanti, che si apre all’avanzamento, al futuro, alla soluzione.

Questa inversione è possibile perché la natura della malattia, nella prospettiva di Mind3®, è proprio quella di indicatore della direzione: è la malattia stessa che ci segnala che c’è qualcosa di fondamentale che non va, ma non per condannarci alla sofferenza, bensì per indicarci la direzione della guarigione! E in che modo avviene la guarigione? Attraverso il processo di auto-risoluzione attivato dalla connessione-allineamento delle 3 Menti. La guarigione è sempre una naturale, necessaria, auto-guarigione!