Possiamo definire la mente subconscia come la struttura psichica complementare e speculare alla mente conscia. Se la funzione principale della mente conscia è attiva, la funzione principale della mente subconscia è ricettiva/reattiva. Se la caratteristica principale della mente conscia è pensare, la caratteristica principale della mente subconscia è quella di agire/reagire.

Definiamo allora la mente subconscia come una struttura psichica caratterizzata dall’attività dell’agire. Tale attività si manifesta in energie psichiche peculiari.

L’energia psichica principale è l’impulso o automatismo. A differenza del pensiero, che è attivo, l’impulso o l’automatismo è reattivo, cioè è caratterizzato da una reazione, da una risposta improntata all’azione – di difesa, di attacco eccetera. Il subconscio non pensa, agisce esclusivamente in base ai programmi.

I programmi subconsci

I programmi subconsci attivano le energie psichiche subconsce che, a differenza di quelle consce, sviluppatesi evolutivamente in tempi relativamente recenti, si radicano nel passato evolutivo più ancestrale.

Il subconscio è la parte della mente che per prima si è sviluppata a livello cerebrale. Il primo nucleo evolutivo della corteccia cerebrale, il cosiddetto sistema limbico – innestato con l’ippocampo all’estremità della spina dorsale da cui si diramano tutti gli input che attraverso il sistema nervoso centrale raggiungono ogni elemento del corpo (dalle cellule ai muscoli) – è la parte della mente dove agiscono gli impulsi più primitivi dell’“animale uomo” e più essenziali della “macchina uomo”.

È la parte della mente deputata all’autoconservazione, all’istinto di sopravvivenza, alla sensazione di fame e di sete, alla regolazione del sonno eccetera. È anche la parte della mente che gestisce la pressione sanguigna, il battito cardiaco, il respiro polmonare, i processi digestivi, che rimargina le ferite, che alza la temperatura corporea, che regola il metabolismo, i livelli di zucchero del sangue e tutte quelle migliaia di funzioni che contribuiscono alla vita biologica di ognuno di noi in ogni minuto di ogni giorno della nostra esistenza.

Il subconscio è anche la parte della mente che gestisce i riflessi automatici, che fa andare rapide e sicure le mani sulla tastiera di un pianoforte, che permette a quelle stesse mani di sostenere il corpo di un ginnasta in verticale, o di scattare quando si cade per impedire di sbattere la faccia sul pavimento.

È la sede delle emozioni più profonde. Delle paure più profonde, la sede dove sono incubate le nostre fobie, dove albergano le nostre memorie ancestrali. È la parte in cui sono elaborate le misteriose connessioni simboliche delle nostre immagini oniriche.

Le energie psichiche subconsce

Per la mente subconscia possiamo identificare alcune energie psichiche fondamentali.

  1. Energia psichica sessuale: quella sessuale è una pulsione creatrice sia distruttrice, quando non controllata.
  2. Energia psichica della pulsione: è l’energia degli impulsi profondi, come la rabbia, l’aggressività eccetera.
  3. Energia psichica della paura: è tra energie psichiche subconsce più potenti; la paura è l’emozione ancestrale principale dell’uomo animale che deve sopravvivere; è l’energia psichica della reazione attacca-o-fuggi che drena ogni risorsa energetica dal corpo per irrorare soltanto le zone deputate all’attacco o alla fusa, sovraccaricando di adrenalina il sistema nervoso; è l’energia anche della diffidenza, dell’allerta, del sospetto, eccetera
  4. Energia psichica dell’emozione: è l’energia che governa la dimensione del sentire: quando “sentiamo un’emozione” è in attività questo tipo di energia psichica. Qualunque emozione, positiva o negativa: la sensazione di benessere dopo una nuotata, la rabbia verso un torto subito, il senso di colpa verso una persona che abbiamo tradito, il senso di dolore per una perdita, la gioia o l’empatia che proviamo quando accarezziamo un bambino. È l’energia psichica del nostro sentire individuale, ma è anche l’energia psichica che ci spinge alla vita relazionale, alla socializzazione, allo slancio verso l’altro.
  5. Energia psichica dell’istinto: è l’energia che governa le nostre reazioni automatiche, come quando ci copriamo il volto quando qualcuno alza le mani, quando chiudiamo gli occhi starnutendo, quando afferriamo al volo un oggetto che cade, quando evitiamo all’ultimo momento un impatto…
  6. Energia psichica della regolazione: è deputata alla regolazione delle funzioni automatiche dell’organismo, si preoccupa che tutto funzioni nel modo migliore per assicurare il buon andamento della vita e la migliore protezione; è anche l’energia psichica che ci accompagna a casa sani e salvi quando guidiamo la macchina mentre ci perdiamo nei nostri pensieri.
  7. Energia psichica dell’elaborazione: è in azione quando incameriamo le informazioni e le elaboriamo inconsapevolmente, trovando poi intuitivamente una soluzione a cui non avevamo pensato, magari giorni o mesi dopo aver analizzato il problema. È anche l’energia psichica serbatoio delle memorie passate, delle abitudini accumulate, dei traumi subiti eccetera.
  8. Energia psichica onirica: governa i sogni e i processi associativi, elaborativi e di altro tipo che avvengono durante le fasi del sonno.

 

(1 – Continua)