Voglio qui illustrarti i tre princìpi essenziali del processo di realizzazione. Sono tre princìpi superconsci, ovvero tre princìpi spirituali fondamentali per comprendere e riconoscere il senso spirituale stesso del raggiungimento e della realizzazione degli obiettivi nella nostra vita.

I tre princìpi essenziali sono:

  • Ognuno di noi è un progetto spirituale
  • C’è una direzione precisa nella nostra vita
  • La direzione è trasformazione

Analizziamo questi tre punti più nel dettaglio.

1. Ognuno di noi è un progetto spirituale

Ognuno di noi ha in sé una sua forma unica, un suo atto unico, una sua opera d’arte unica. Ognuno di noi ha in sé un proprio progetto spirituale, che origina dalla mente divina – o meta-struttura spirituale, come possiamo anche chiamarla. Questa meta-struttura, o Dio, ha già pensato la nostra esatta forma, già la conosce e già l’ha realizzata in noi. Questa forma è in noi in potenza, e tocca a noi trasformarla, trasmutarla in atto. Ognuno di noi perciò è, in sé, un progetto spirituale, e la vita di ognuno di noi ha come fine o atto supremo quello di manifestare il proprio progetto spirituale, la manifestazione della mente divina, che è in sé, che è il proprio Sé.

2. C’è una direzione precisa nella nostra vita

La meta-struttura che ha pensato la nostra esatta forma traccia anche la direzione del nostro esatto, unico cammino. Questa direzione già tracciata nella meta-struttura, nel pensiero di Dio, ci guida necessariamente a seguire la migliore realtà per noi. La meta-struttura spirituale ci spinge (ci attrae) necessariamente alla direzione che ci conduce al meglio per noi, a quello che è il nostro destino naturale, il nostro destino spirituale. Questa direzione ci guida al nostro bene e all’espressione più elevata della nostra vita, a esprimere ciò che veramente siamo, ciò che siamo destinati spiritualmente a essere. Questo è anche il più alto significato di felicità, di armonia, di equilibrio.

3. La direzione è trasformazione

La direzione verso cui ci guidano la meta-struttura spirituale e il nostro progetto spirituale è in avanti e verso l’alto. Procede sempre in avanti verso il suo fine e dal basso verso l’alto, dalla dimensione biologica alla dimensione spirituale. È una direzione perciò che implica una trasformazione evolutiva, anzi una trasmutazione, dalla materia alla forma, dalla potenza all’atto, dalla carne allo spirito. Nasciamo nella carne, evolviamo nello spirito.