Questo testo è la trascrizione di uno dei momenti della conferenza live di Mind3® tenuta a Bologna il 23 marzo 2019.

 

Prima di iniziare il lavoro con Mind3®, tutto è un magma.

Con Mind3® si inizia a lavorare su dei percorsi, su degli obiettivi di risoluzione che non identifico io; lo fa il piano spirituale, il superconscio. Cosa può succedere? Può succedere quello che è successo a questa signora: dopo le prime esecuzioni delle tecniche di risoluzione, si esce dal magma e si individua una direzione. Anche quel malessere che magari resta ci dà una direzione. Non è più quel magma che poteva avere moltissime cause. Individuata una direzione, se siamo perseveranti e andiamo avanti, i risultati arrivano.

Allora dove lavora Mind3®? Ci sono tre piani: subconscio, conscio, superconscio.

Il piano subconscio è il piano della risoluzione, è il piano dove si tolgono i blocchi. Sul piano subconscio non si può creare. Se questo piano è bloccato, il resto fa molta fatica a decollare. Sul piano superconscio si crea, si realizza. Per usare i termini di Aristotele, questo è il piano dell’entelechia, della nostra realizzazione.

Ci sono anche tecniche superconsce di creazione e realizzazione ma soprattutto all’inizio bisogna lavorare sul piano subconscio. È sul piano subconscio che noi possiamo veramente, radicalmente, risolvere i blocchi che abbiamo. Non possiamo lavorare sul piano realizzativo se siamo bloccati. Anche se avanziamo, non possiamo riconoscere il nostro avanzamento perché restiamo centrati sulla nostra sofferenza. Questo per me è il punto veramente essenziale: o questa cosa si risolve e allora decolliamo o non si risolve e non decolliamo. È una logica binaria.

Per questo motivo Mind3® è un metodo radicale, va alla radice, toglie via quelle catene, quelle zavorre. Sicuramente i risultati ci sono e l’obiettivo viene realizzato.

Per poter creare liberamente la nostra mente deve essere innanzitutto vuota, questa è un’immagine che ho ripreso da Meister Eckhart che parlava del tempio vuoto. Il nostro tempio deve essere vuoto perché possiamo incontrare Dio, diceva Meister Eckhart. Tradotto in senso più laico, per poter creare e realizzare dobbiamo essere vuoti, ripuliti dai blocchi subconsci.

Questo è il modo di operare di Mind3®, segue una logica stringente, assertiva, non psicologica, non interpretativa.

L’obiettivo di Mind3® è estirpare le radici negative che sono impiantate in noi, al livello subconscio. Con le due tecniche di risoluzione, il Rilascio Transpersonale® e l’Induzione delle 5 Matrici®, lavoriamo solo sul piano subconscio per tagliare via definitivamente quei pesi che impediscono di esprimere la nostra natura di individui auto-realizzati.